Contrordine cyber-compagni!

Il ministero cinese dell'industria e dell'information technology ha sospeso a tempo indeterminato la legge con cui si imponeva l'installazione del famigerato "Green Dam" (ufficialemente un filtro software contro pornografia e violenza) in ogni personal computer venduto in Cina dal primo luglio.
Ne da notizia l'agenzia di stampa Xinhua, senza scendere nei particolari, come invece fanno il Washington Post e l'ottimo China Law Blog, che convengono sul fatto che l'opinione negativa dei cittadini digitali d'oltre muraglia sia stata ascoltata ai piani alti del partito unico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *