Lo stimolo cinese all’uso dei mezzi pubblici

I miei colleghi oltremuraglia mi informano che anche a Ningbo (citt?? considerata di "terza fascia") sono stati inaugurati i cantieri per la costruzione della metropolitana.
Si tratta di un investimento incluso nel mega stimolo economico varato dal governo alla fine del 2008, anche se la richiesta era stata avanzata precedentemente e tenuta in disparte, pare, per il timore di surriscaldare troppo la dinamica dei prezzi.
La fine dei lavori ?? prevista nel 2014, nel frattempo non si perdono in chiacchere ed hanno gi?? demolito lo Jo-Jo Bridge (Ponte 99), un mastodontico sovrappasso pedonale su uno degli incroci pi?? caotici della citt??, mi mancher??…

Pict0032

Traffico Ningbonese visto dal (fu) JoJo Bridge.

Il progetto complessivo prevede ben 6 linee, che collegheranno anche le aree pi?? periferiche della citt?? (incluso il porto e l'aeroporto).

2008082220255758880

Il primo stralcio del progetto prevede due linee, speriamo facciano correggere la bozza della mappa scritta in chinglish 🙂

2_45445_48b13755c7e637f

Effettivamente il traffico rappresenta un bel problema per l'impero di mezzo ed il potenziamento del trasporto pubblico mi sembra un ottimo investimento per ridare fiato all'economia (che nel frattempo, pare stia gi?? ripartendo).

Un pensiero su “Lo stimolo cinese all’uso dei mezzi pubblici”

  1. Interessante, in Cina hanno fatto partire davvero il piano di investimenti anticrisi, su infrastrutture tangibili e concrete opere pubbliche. Negli States hanno pompato denaro nei network finanziari nazionalizzando banche e assicurazioni e salvando grandi industrie sull’orlo della catastrofe. In Italia… non ho capito :-)In passato, il progetto della metro di Ningbo era stato tenuto in sospeso per evitare di alimentare l’inflazione e l’eccessiva crescita… Pare incredibile, pensando all’italiana!!Farei vedere la mappa della metro che hai pubblicato a qualche romano nei palazzi della politica… a Roma da decenni, linea a + linea b + basta 😉 A presto, un caro saluto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *