Chiudere la stalla quando il parco buoi è già scappato

La decisione di David Cameron mi sembra coerente con la recente politica britannica e pure con le inclinazioni eurofobe del suo elettorato (e non solo il suo).

A ben vedere, il primo ministro britannico non aveva alternative praticabili, Londra è il maggiore centro finanziario d’Europa e sottostare ai diktat franco-tedeschi in materia finanziaria equivarrebbe a rinunciare ad una delle principali fonti di ricchezza del Paese.

 

Media_httpmedianolaco_gdlau

 

Epperò potrebbe essere troppo tardi, come dimostra questo articolo del FT, l’esodo dei gruppi hi-tech dalla City verso la Grande Mela è già iniziato e cresce l’interesse per le borse asiatiche (chiedere ad esempio al gruppo Prada). Del resto, dovendo principalmente fornire capitali, i mercati più appetiti sono quelli maggiormente liquidi e con l’Europa sull’orlo di un credit crunch l’isola rischia di realizzare in maniera dolorosa di non essere né abbastanza grande, né abbastanza isolata dal continente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *